Festival della Comunicazione – I laboratori teatrali

Tre giorni.
Tre giorni intensi di laboratorio teatrale per bambini al Festival della Comunicazione di Camogli.

Vuol dire, in concreto, che hai un’ora e mezza di tempo con dei bambini che non conosci e che non ti conoscono. È molto diverso rispetto ai nostri laboratori annuali per bambini, dove per un anno intero incontriamo lo stesso gruppo una volta a settimana.

In un festival invece hai 90 minuti per per stabilire una relazione con bambini che non conosci e che non ti conoscono, trovare un linguaggio comune, giocare con il teatro per divertirsi e creare qualcosa insieme.

In questi giorni di festival abbiamo incontrato, nel nostro laboratorio di teatro, tanti bambini. Bambini che stavano per iniziare la prima elementare ed altri già pronti per la prima media. Coppie di fratelli e di cugini, oppure bambini che non si erano mai visti prima.
Bambini che avevano già fatto teatro, già disinvolti sulla scena, ed altri che non sapevano cosa aspettarsi.

Bambini di Chiavari e di Milano, di Genova e di Bari.

Abbiamo creato dei burattini umani, ci siamo svegliati dentro ad una valigia o su una tavola da surf in mezzo al mare, abbiamo comunicato in lingue inventate, immaginato ragni volanti.
Tutto con la fantasia, senza bisogno di scenografie grandiose o costumi elaborati.

Questa è, per noi, la prima magia del teatro. Il poter creare tanto senza aver bisogno di nulla, solo del proprio corpo, la propria voce, e l’immaginazione per credere che sia tutto vero. Lo sappiamo, che il teatro è prima di tutto questo.
Lo sappiamo noi e lo sanno i bambini, ma a volte ce lo dimentichiamo.
In questi tre giorni al Festival della Comunicazione, lo abbiamo riscoperto tutti insieme.