Bio

chi siamo

Scena Madre è una piccola realtà artistica dedita alla ricerca teatrale e pedagogica.

Attraverso la creazione di spettacoli e performance, la conduzione di laboratori e corsi di teatro, cerchiamo modalità sempre nuove di lavoro e comunicazione con le persone, per provare ad entrare in punta di piedi nel loro mondo e coglierne le dinamiche, i pensieri, le paure, la poesia.

ScenaMadre nasce da Michelangelo Frola e Marta Abate.
Cerchiamo di creare un teatro tout public: inclusivo a livello di età, istruzione, contesto sociale di provenienza. Che a ciascuno racconti e lasci qualcosa.

Dal 2014 la compagnia conduce laboratori e corsi di teatro per bambini, adolescenti e adulti a Chiavari, Lavagna e Sestri Levante (GE).

Nel 2014 ScenaMadre vince il Premio Scenario Infanzia 
con La stanza dei giochi. Lo spettacolo è stato in tournée in tutta Italia e Svizzera fino al 2020.

Dal 2016 la compagnia è sostenuta da Fuori Luogo, centro di produzione teatrale di La Spezia.

Nel 2019 inizia la creazione di TRE,  il nuovo spettacolo della compagnia che affronta il tema delle relazioni familiari.

Nel 2020 TRE
vince il II° posto al Festival teatrale di Resistenza
è semifinalista al Premio Inbox Verde
è selezionato per partecipare a
Kilowatt Festival,
Vimercate Teatro Ragazzi 

Dal 2018 il laboratorio di teatro per adulti è ospite di Andersen Festival.
Dal 2018 il laboratorio di teatro per ragazzi è finalista al Premio Gaber, iniziativa del Teatro Stabile di Grosseto che riunisce da tutta Italia adolescenti appassionati di teatro.
Nel 2019 il laboratorio di teatro per ragazzi vince una menzione speciale al Premio Gaber.

LA_STANZA_DEI_GIOCHI-26

Nel 2014
sfo
oafmap
feomfp
a
feifa
omfa
ff
feaw
fafa
aafa
ScenaMadre deve la propria formazione a tanti maestri e professionisti incontrati nel corso degli anni.

Qui un elenco non esaustivo.

Oggi la compagnia continua il suo percorso,
con spettacoli tout public, laboratori teatrali permanenti
e progetti site-specific, sempre alla ricerca di nuovi sguardi,
nuovi linguaggi, nuovi approcci
al teatro.